Leggere per scrivere

Leggere per scrivere, vi suona strana come affermazione? Ebbene, vi svelerò un segreto: l’editor è il lettore per eccellenza. Al di là dei corsi e della teoria, degli studi e delle conoscenze acquisite per formazione, ciò che permette all’editor di svolgere il proprio lavoro è l’innato sesto senso per una proposizione ben scritta, quell’accorta capacità di dare coerenza e logica ad un testo, ed infine quel dono apparentemente naturale di vedere subito errori e refusi. Tutto questo, posso garantirvelo, non è dato alla nascita come un dono divino, piuttosto è il risultato di anni passati a leggere, milioni di pagine sfogliate con passione e concentrazione. Quello dell’editor è un costante allenamento che nel tempo ha dato i suoi frutti.

Probabilmente vi starete chiedendo cosa c’entra con la scrittura, quella meravigliosa attività creativa che spinge gli autori a dare sfogo a incredibili fantasie. Naturalmente, la lettura oltre a dare una certa propensione alla correttezza di un testo ha anche numerosi benefici che possono solo dare credito al talento di uno scrittore. Eccone alcuni…

CONOSCERE A FONDO LA LINGUA
Personalmente posso garantirvi che leggere è un primo passo per addentrarsi nelle insidie della grammatica, della sintassi e della forma. Una sorta di allenamento che una prova dopo l’altra permette di destreggiarsi con maestria nell’uso di figure retoriche e giochi di parole, assimilando l’utilizzo delle forme grammaticali in modo naturale. Magari non sarete in grado di riconoscerle, di dare loro un nome, ma le avrete sulla punta della penna, pronte a saltar fuori e ad arricchire la vostra opera, proprio nel momento del bisogno. Così facendo la vostra creatività verrà stimolata, in particolare non sarete più frenati da dubbi implacabili, potendo così lasciar libera la fantasia.

STIMOLARE LA FANTASIA
Leggere permette di scoprire universi meravigliosi e proprio per questo di arricchire la vostra personale visione, non solo a livello culturale, ma anche e soprattutto a livello di creatività. Leggere vi permetterà di ampliare i confini della fantasia, avrete nella mente un tale assortimento di scenari che sarà impossibile rimanere senza idee.

ARRICCHIRE IL PROPRIO VOCABOLARIO
Inutile dire che, come vengono acquisite le regole grammaticali e la dimestichezza con la lingua, durante la lettura viene assimilata un’infinità di vocaboli il cui utilizzo nella lingua parlata potrebbe non avvenire mai, ma che verrà naturale utilizzare durante il processo di scrittura. Un linguaggio ampio e articolato permette una maggiore abilità nella scrittura e in particolare rende più ricco e scorrevole il testo dell’opera.

Questi sono solo tre dei possibili benefici attivati dalla lettura, ma ce ne sono davvero moltissimi, anche solo il bagaglio culturale che vi costruirete leggendo varrà il tempo dedicato a un’attività tanto sottovalutata come quella di leggere. Naturalmente, molti scrittori sono anche appassionati lettori, ma se ancora non lo siete e avete difficoltà nella scrittura, iniziate a leggere con regolarità e poi provate a scrivere a ruota libera: noterete sicuramente l’effetto sulla vostra penna.